ZEPEND

Bari, Puglia

Cosa è ZEPEND?

Il progetto Zepend si basa sullo sviluppo di una piattaforma web e mobile che mira a ridurre la distanza tra servizi di ristorazione, discoteche e molte altre tipologie di locali e la clientela. L’obiettivo principe del progetto è quindi quello di abbattere qualsiasi difficoltà di ricerca, comunicazione, prenotazione, gestione e interazione tra utenti che possa emergere nel rapporto fra il locale e il consumatore. Zepend è la piattaforma che permettere a chiunque di organizzare la propria serata spaziando attraverso la pagina di ricerca e personalizzandola in base alle proprie esigenze. L’applicazione, oltre a dare la possibilità di scegliere e/o ordinare dal menù consumazioni comodamente dal proprio smartphone, permette al consumatore di recensire i locali visitati, di acquistare prevendite in-app senza doversi avvalere della figura del promoter, di usufruire di loyalty card ove concesso dal gestore. Sia per il consumatore che per l’esercente, ovviamente, saranno disponibili servizi di pagamento. Zepend arricchisce anche l’esperienza di planning introducendo una dimensione sociale potenzialmente stimolante: l’app dispone infatti di servizi di messaggistica che consentono di interagire tra gli utenti presenti nel locale in quel momento. Di contro, al locale stesso viene data la possibilità di massimizzare la propria visibilità e pubblicità: la piattaforma, infatti, offre servizi mirati di ricerca degli esercizi, pubblicità con un preciso target, servizi di analisi della clientela e, di conseguenza, la possibilità di modulare menù e proposte sulla base delle preferenze riscontrate.

Milestones

Vincita Creative Business Cup Italia 2019

apr 2019

In dettaglio

Il progetto Zepend si basa sullo sviluppo di una piattaforma interattiva web e mobile  che mira primariamente a ridurre la distanza tra servizi di ristorazione, discoteche e molte altre tipologie di locali e la clientela. L’obiettivo principe del progetto è quindi quello di abbattere qualsiasi difficoltà di ricerca, comunicazione, prenotazione, gestione e interazione tra utenti che possa emergere nel rapporto fra il locale e il consumatore. Per realizzare questo obiettivo abbiamo puntato sull’ottimizzazione delle risorse che gli esercizi offrono ai propri clienti, cercando di rendere più semplice, intuitivo, stimolante e coinvolgente il modo in cui il consumatore si approccia al locale. L’utente di Zepend ha a disposizione una variegata gamma di funzioni. L’applicazione, infatti, racchiude in sé liste di locali, menù, mappe, recensioni, prevendite e possibilità di prenotazione, evitando all’utente di perdersi nei classici meandri dei motori di ricerca e siti web. Lo scopo della nostra piattaforma è permettere a chiunque di organizzare la propria serata spaziando attraverso la pagina di ricerca e personalizzandola in base alle proprie esigenze: grazie ad appositi filtri, i risultati di ricerca saranno organizzati per categorie contestualizzate in funzione del profilo utente e dell’ubicazione. La stessa modalità di ricerca è altresì applicata alla sezione eventi (attualmente, nessun big player offre la possibilità di personalizzare la ricerca in tal modo). L’applicazione, oltre a dare la possibilità di scegliere e/o ordinare dal menù consumazioni comodamente dal proprio smartphone, permetterà di recensire il locale mediando la votazione con dei fattori oggettivi che l’utente dovrà rispettare, quindi ogni locale visitato riceverà una valutazione oggettiva e darà la possibilità di acquistare prevendite in-app senza doversi avvalere della figura del promoter oltre che di usufruire di loyalty card ove concesso dal gestore. Sia per il consumatore che per l’esercente, ovviamente, saranno disponibili servizi a pagamento. Inoltre, Zepend arricchisce l’esperienza di planning introducendo una dimensione sociale potenzialmente stimolante: l’app dispone infatti di servizi di messaggistica che consentono di interagire tra gli utenti presenti nel locale in quel momento. Tutto il sistema sarà integralmente configurabile per ambo le parti, dal momento che le funzioni dell’applicazione possono essere abilitate o disabilitate liberamente sia dal consumatore che dall’esercente. Di contro, al locale stesso viene data la possibilità di massimizzare la propria visibilità e pubblicità: la piattaforma, infatti, offre servizi mirati di ricerca degli esercizi, pubblicità con un preciso target, servizi di analisi della clientela e, di conseguenza, la possibilità di modulare menù e proposte sulla base delle preferenze riscontrate.


Il progetto nasce durante un hackathon, nel quale ci veniva chiesto di trovare un ambito di applicazione dell’ indoor positioning. Da quel momento il progetto è stato migliorato ed elaborato fino a questo punto, integrando nuove funzionalità e rendendo il progetto scalabile.

Oggi il progetto si trova in Beta Test. Sono stati sviluppati i sistemi di display e ricerca dei locali e degli eventi, le mappe e i sistemi di messaggistica.

Terminata la parte B2C si rivolgerà l’attenzione alla parte B2B, difatti i gestori , tramite Zepend potranno sfruttare l’applicazione per incrementare la loro visibilità, anche attraverso campagne pubblicitarie mirate e con un CRM in cloud per la gestione delle prenotazioni, oltre che in occasione di eventi (pre-ticket) e per l’ordinazione dai menu.
Zepend è stata selezionata per partecipare al Contamination Lab BaLab indetto dall'Università degli Studi di Bari Aldo Moro in collaborazione con il Comune di Bari e Confindustria Bari e BAT per l'Anno Accademico 2017/2018.
Zepend è Vincitrice della Creative Business Cup Italia 2019 con conseguente diritto di accesso Creative Business Cup (CBC) Global Finals 2019, finale internazionale, che si terrà a Copenaghen l’1-2 Luglio.


In questo momento potremmo definire il mercato statico, Yelp è cresciuto velocemente sottraendo utenti a Trip advisor, e in questo scenario c’è Google sempre presente, ma non incisivo, e Facebook che cerca di farsi largo con risultati non dei migliori. In tutto questo vediamo The fork (costola di TripAdvisor) che sbarca nel 2015 e ad oggi ha un numero di download contenuti.  Parlando in numeri, il bacino al quale si può attingere va da 50 milioni di utenti, il numero di utenti che utilizza Tinder (detendendo circa il 40% del mercato dating, si stima che l’intero mercato del dating dovrebbe crescere del 25% entro il 2020) ai 455 milioni di utenti unici mensili (File di registro di TripAdvisor, media dei visitatori unici mensili, terzo trimestre 2017).

Dal lato B2B si stima che siano registrati su tripadvisor 4 mln di locali.

La competizione crescerà ovviamente, perché parliamo di un piatto molto ricco, Facebook dichiara di essere interessato al dating e a breve dichiara di lanciare il suo sistema.


Il nostro team è formato da 3 persone, Lorenzo Diomeda (CEO), Antonio Diomeda (CMO & PR) e Alessandro Spadini (CTO, Developer mobile, database, amministratore server e web service). C’è da precisare che per Lorenzo ed Antonio Diomeda non è la prima realtà imprenditoriale che vivono, infatti i due sono figli di imprenditori e che quindi sanno benissimo cosa sia l’imprenditoria e come questa funzioni. Nonostante i membri siano solo 3 il successo è garantito in primo luogo dall’impegno dei tre, pronti costantemente al confronto senza pregiudizi tra loro e con i futuri utenti della piattaforma, lasciandosi i giusti spazi l’uno all’altro nel campo di competenza.

I tre sono affiancati già da altre due figure che non sono parte del team, ma con i quali attivamente collaborano (hanno firmato un NDA) e sono un giurista e una grafica.


Al momento sono presenti due macro aree funzionali gestite a coppie. Il CTO è responsabile della ricerca e dello sviluppo e della programmazione della sensoristica (produzione). L'amministratore delegato ed il responsabile marketing si occupano della parte amministrativa, commerciale, finanziaria e organizzativa.

Tutti i collaboratori di Zepend hanno firmato un NDA, i loghi ed il nome sono univoci e innovativi, abbiamo 6 domini (.com, .it, .eu, .info, .net, .org), pagina Facebook registrata come /Zepend, pagina Instagram registrata come @zepend, pagina twitter registrata come @zependapp, email registrata come [email protected] A breve inizieremo la procedura per la registrazione comunitaria del logo. Allo stesso tempo il nostro legale sta adattando le privacy policy, termini e condizioni e tutto ciò che è legato al lato legale al GDPR.


Partendo da una realtà nazionale, al termine del secondo cercheremo di affiliare circa lo 0,01% dei locali italiani, nei successivi anni ci affacceremo all'estero. Le risorse necessarie al progetto sono limitate, poiché l'unico costo attivo che si ha è legato ai server e in minor parte allo sviluppo, e in ogni momento con l'aumentare o il diminuire degli utenti si può aumentare o diminuire il volume di utenza e con questo il costo. Tutto rimane sempre comunque in perfetto equilibrio. Spese più ingenti possono derivare dal marketing, ma sfruttando i social media si cercherà di contenere questi ultimi.


È la prima piattaforma al mondo funzionale sia per B2C che per B2B.

Il B2C consiste nell’utilizzo per ricerca locali, eventi e chat, creando una nuova forma di real dating indoor, in un determinato raggio preimpostato per comprendere le immediate vicinanze.

Il vantaggio competitivo è dato dalla micro targhetizzazione dell'utente “consumer” che accederà all'app principalmente quando è intenzionato ad uscire e avrà consigli su un locale rispetto ad un altro nel momento in cui si è in fase organizzativa.

Oltre alla questione dell’advertising c'è il CRM in cloud low cost, servizi di prevendita ticket e l'ordinazione da menù da smartphone.

IL PITCH DI ZEPEND

Sfoglia il pitch