Algor

Torino, Piemonte

Cosa è Algor?

Algor nasce per fornire un aiuto nello studio, in particolare a ragazzi con Disturbi Specifici dell’Apprendimento. La nostra web App, infatti, permette di creare Mappe Concettuali in modo del tutto automatico, grazie a un algoritmo di Intelligenza Artificiale proprietario.

Milestones

Nessuna Milestone aggiunta da Algor! 😟

In dettaglio

Il problema:

In Italia, più di 350.000 studenti hanno difficoltà nella lettura e nella scrittura, a causa di Disturbi Specifici dell'Apprendimento. Nonostante la loro intelligenza nella norma, la necessità di decodificare una lettera alla volta rallenta il processo di lettura e rende frustranti i metodi tradizionali di apprendimento. Per questo motivo, sono spesso supportati da strumenti compensativi che possono alleggerirli da quelle azioni che richiedono abilità deficitarie. Le mappe concettuali sono uno degli strumenti più utilizzati e riconosciuti.

Tuttavia, la realizzazione di mappe concettuali spesso richiede supporto da parte di genitori o insegnanti, che potrebbero non avere le competenze necessarie o il tempo per aiutarli. La mancanza di indipendenza nello studio, causa sentimenti di rabbia, demotivazione e disagi psicologici che si riflettono anche sui genitori. Dai nostri sondaggi è emerso che il 91% dei genitori è preoccupato per la condizione del figlio e la maggior parte di loro pensa che un software per la creazione automatica di mappe concettuali possa aiutarli nella risoluzione di questi problemi. Abbiamo accolto questa richiesta di aiuto, creando Algor Maps.


Gli utenti al quale ci rivolgiamo possono essere divisi nelle seguenti categorie:

Alunni e studenti:

Senza il giusto supporto i bambini con DSA rischiano non solo il fallimento scolastico, ma anche effetti negativi a lungo termine come bassa autostima, cattivo sviluppo socio-emotivo e disoccupazione.

Genitori:

Algor ha condotto un'indagine con 650 interviste a genitori del Nord-Ovest italiano con figli con disturbi specifici dell'apprendimento, bisogni educativi speciali o disturbo da deficit di attenzione e iperattività (ADHD). È emerso che il 91% è preoccupato per le condizioni psicologiche dei propri figli e il 75% del nostro campione intervistato vorrebbe uno strumento per aiutare i propri figli ad apprendere e fare mappe concettuali.

Educatori (insegnanti e tutor):

Sono interessati a identificare strategie di insegnamento più intelligenti e metodi inclusivi adatti sia agli studenti con SLD che ai loro compagni di classe.

Scuole:

Molte scuole ci hanno contattato e sono interessate all'utilizzo di Algor in classe, per migliorare l'inclusività e permettere a tutti di avere le stesse possibilità nell'apprendimento.


Il prodotto:

Algor Maps è una web App, accessibile da qualsiasi browser e da qualsiasi dispositivo (pc, smartphone o tablet), che permette allo studente di creare mappe concettuali.

Lo studente potrà creare una mappa da zero, utilizzando il nostro editor di mappe concettuali, oppure in modo automatico, grazie al nostro algoritmo di intelligenza artificiale. Nel secondo caso basterà accedere all'APP, inserire un testo (tramite copia e incolla, immagine o scannerizzandolo) e attendere la creazione di una mappa concettuale, che conterrà le informazioni principali del testo e le disporrà in modo gerarchico e organizzato. 

In meno di un minuto otterremo quindi una mappa che potrà poi essere ascoltata, grazie alla sintesi vocale di altissima qualità, oppure modificata. Si potranno inserire immagini e guardare video automaticamente selezionati sull'argomento che si sta studiando (da canali approvati dalle associazioni).

Algor è un esempio di tecnologia usata per risolvere un problema concreto della società. Un algoritmo avanzato di Intelligenza Artificiale creato per rendere la didattica realmente inclusiva. Lo sviluppo dell'App è stato sempre seguito e guidato dall'Associazione Italiana Dislessia, che ci ha fatto capire quanto possano essere utili strumenti del genere. Grazie a questa collaborazione abbiamo assistito alla creazione di mappe concettuali da parte di studenti (con DSA e non) ed è emerso fin da subito che la prima parte del processo è del tutto meccanica e non utile ai fini dell'Apprendimento. Algor si inserisce proprio in quella fase, permettendo agli studenti di risparmiare tempo e di dedicarsi maggiormente allo studio e alla personalizzazione della mappa, riducendo le difficoltà e migliorando l'apprendimento.


L'obiettivo di Algor, però, è quello di propone una piattaforma digitale in cui non solo è possibile creare mappe concettuali, ascoltarle e modificarle, ma che permetta agli studenti di svolgere tutti i compiti utilizzando il proprio PC, integrando vari servizi all'interno della stessa applicazione. Abbiamo l’aspirazione di creare un prodotto utile a tutti e non solo agli studenti con DSA.

Come nasce:

Algor nasce dalla vittoria di una challenge proposta dal Clik del Politecnico di Torino a Gennaio 2021 ed è stata lanciata e testata a Maggio 2021, contando oltre 500 iscritti in meno di due settimane. Giorno 20 giugno 2021 ha vinto la sesta edizione del Premio Ancalau, a Bosia. A fine Luglio è stata ospite al Giffoni Film Festival, sezione “IMPACT” e successivamente ha vinto la call Nazaré Lifelong Learning proposta da Onde Alte S.r.l. .

 

Qualche articolo in merito:

- https://www.lastampa.it/cuneo/2021/06/21/news/all-app-algor-che-aiuta-i-dislessici-la-sesta-edizione-dell-ancalau-1.40412195

- https://www.giffonifilmfestival.it/25-luglio-giffoni50plus/item/9060-algor-a-giffoni-presentata-l-app-rivolta-a-studenti-che-soffrono-di-disturbi-dell-apprendimento.html

- https://www.ilsole24ore.com/art/l-intelligenza-artificiale-servizio-studenti-dsa-mission-algor-AEWuwaf

 

 

Il Team:

Il team si è esteso dopo la vittoria della challenge proposta dal PoliTO e ad oggi conta 6 persone.


Mauro Musarra, fondatore e CEO, 23 anni:

Studente magistrale in Data Science and Engineering e laureato in Ingegneria Fisica presso il Politecnico di Torino. Oltre all’importante istruzione scientifica e alla collaborazione con il gruppo di ricerca della professoressa Barbara Caputo, è coinvolto in diversi progetti imprenditoriali ad elevato impatto sociale. Nel Gennaio 2021, vince la challenge “AI - Shape the future”, presentando il prototipo di un algoritmo in grado di creare mappe concettuali in modo del tutto automatico. A Febbraio 2021, porta a termine un percorso di formazione e pre-accelerazione presso InnoventureLab ed entra nell’incubatore di Imprese Innovative (I3P) del Politecnico di Torino. 


Matteo Tarantino, IT director, 23 anni:

Master student in Data Science and Engineering al Politecnico di Torino, laureato triennale in Ing. Informatica presso lo stesso ateneo. Vanta circa 2 anni di esperienza in IT infrastructure presso la società Hpa Srls ed è attualmente IT manager del progetto LUMCE, un SaaS sviluppato per il Comune di Lucca. Prossimo al completamento degli studi, svilupperà una tesi in ambito computer vision con la prof.ssa Barbara Caputo, Principal Investigator dell'Istituto Italiano di Tecnologia (IIT).


Fabio Frattin, COO, 24 anni:

Studente magistrale in Data Science and Engineering presso Politecnico di Torino con all’attivo un semestre presso la University of Knoxville negli Stati Uniti nel corso della triennale in Ingegneria Informatica. Parallelamente agli studi, è membro del percorso di eccellenza dell’Alta Scuola Politecnica, conta due esperienze trimestrali di tirocinio in ambito sviluppo software e Big Data ed è attualmente collaboratore didattico presso il Politecnico di Torino.

 

Giovanni Cioffi, Business Developer, 24 anni:

Studente magistrale in Data Science & Engineering al Politecnico di Torino. Ha competenze in management grazie alla laurea in Ingegneria Gestionale. Ottima conoscenza dell'inglese ed elevate soft-skills con l'esperienza ERASMUS+ in Finlandia. Ha maturato esperienza in ambito Data Science tramite Internship in Data Reply.

 

Anonino Geraci, Software Developer, 23 anni:

Studente del Corso Data Science and Engineering al Politecnico di Torino, laureato in ingegneria informatica nello stesso ateneo. Fa parte del percorso multidisciplinare orientato alle eccellenze "Alta Scuola Politecnica". Ha maturato esperienza nello sviluppo di applicativi backend e di AI grazie a 2 esperienze di internship in aziende leader in Italia nei settori consulenza IT e Data Management e alla collaborazione con un gruppo di

ricerca al PoliTo. Attualmente collabora al Politecnico di Torino come assistente durante i laboratori, stando a contatto con gli studenti.

 

Emanuele Gusso, Software Developer, 23 anni:

Laureato con lode in Ingegneria Informatica presso il Politecnico di Torino. Durante gli studi triennali è stato selezionato per il percorso d'eccellenza Giovani Talenti. Attualmente studente magistrale in Data Science and Engineering presso lo stesso Politecnico e parallelamente membro dell'Alta Scuola Politecnica, percorso multidisciplinare d'eccellenza riservato al 5% degli studenti dei Politecnici di Milano e Torino. Ha un'esperienza come Data Engineer Intern presso l'azienda Agile Lab.


Sfoglia il pitch